PLANIMETRIA COMUNALE DIFFORME DALLA PLANIMETRIA CATASTALE

Stai cercando casa e la prima cosa che controlli tra i tanti documenti è sempre la stessa: la planimetria catastale.

In pochissimi sanno però che la planimetria catastale non è assolutamente probatoria ai fini della conformità urbanistica; cerco di esser chiaro: se desideri davvero controllare che tutto sia in ordine, quella da verificare non è la planimetria catastale, ma la planimetria comunale.

COSA SUCCEDE SE LA PLANIMETRIA COMUNALE È DIFFORME DALLA PLANIMETRIA CATASTALE?

La vera domanda che dovresti quindi porti è: la planimetria comunale è conforme allo stato di fatto e cioè a come vedo la casa?

In Italia abbiamo il catasto che è nato per motivi fiscali e non ai fini di controllo urbanistico mentre diversamente il comune è l’organo preposto al controllo della regolarità edilizia. In una prima fase puoi anche accontentarti di verificare che la planimetria catastale sia uguale a come vedi l’alloggio, quando però decidi che quella è la casa giusta e vuoi procedere all’acquisto, assicurati di verificare sempre anche la planimetria comunale.

COME SI FA?

Verificare la planimetria comunale è più semplice di quello che si pensi:

  1. Recarsi presso l’ufficio edilizia del comune dove si trova l’immobile e fare direttamente richiesta (attenzione: gli uffici non sono sempre aperti al pubblico, quindi verificare giorni ed orari di apertura per non perdere tempo);
  2. Tramite un professionista di fiducia (agente immobiliare, geometra o architetto);

SE LA PLANIMETRIA CATASTALE È DIFFORME DALLA PLANIMETRIA COMUNALE COME CI SI COMPORTA?

Bisogna sempre fare rifermento al comune, quindi incaricato un geometra o un architetto, sarà lui a indicare la strada migliore per regolarizzare il tutto; solitamente basta o una semplice pratica urbanistica oppure una pratica in sanatoria (che prevede una multa che varia da 516€ a salire in base al tipo di abuso edilizio).

Io per esempio, mi preoccupo sempre fin dall’inizio di controllare che la planimetria comunale non sia difforme dalla planimetria catastale. Essere certo che le planimetrie siano uguali tra loro, assicura una compravendita serena e senza intoppi. Basti pensare che ad oggi molte banche per concedere un mutuo, pretendono che le che entrambe le planimetrie siano conformi.

Se vuoi vendere casa, insieme a controllare che la planimetria comunale non sia difforme dalla planimetria catastale, ti consiglio di dare una lettura a questo link dove puoi trovare altri utili consigli.

Hai trovato interessante questo articolo? Scopri come posso aiutarti nella compravendita di un immobile, sia residenziale che commerciale. Contattami!

Ernesto Palano – Consulente immobiliare
Corso Trapani 151 – Torino
Tel: +39 333 845 1157
Email: info@ernestopalano.it

Post recenti

Leave a Comment

WhatsApp chat